Gli pneumatici, un elemento determinante per la sicurezza stradale - Vacanze Sicure 2013 : il 12% dei veicoli controllati viola la normativa sugli pneumatici

Vacanze Sicure 2013 : il 12% dei veicoli controllati viola la normativa sugli pneumatici

Sicurezza Pubblicato il 31/07/13 da Giuliano

Sono stati pubblicati i risultati della campagna di controlli della Polizia Stradale sullo stato del parco auto italiano. Il 12% dei veicoli controllati è risultato non in regola rispetto alla normativa sugli pneumatici. Evidentemente, la crisi induce alcuni automobilisti a trascurare la manutenzione del proprio veicolo. Pneumatici lisci, danneggiati, non omogenei, non regolamentari e invernali in estate: la frequenza delle anomalie rilevate è significativa, con differenze notevoli da regione a regione.

Controlli Polizia Stradale Italia 2013 Campagna di controlli della Polizia Stradale in Italia estesa anche alle gomme - Diritti d'autore foto © : Assogomma-Federpneus

L’indagine Vacanze Sicure, che da dieci anni viene eseguita alla vigilia dell’estate sulla base dei controlli della Polizia Stradale, fornisce una fotografia alquanto precisa dell’evoluzione del parco automobilistico italiano. L’edizione 2013 rivela che il 12,1% dei circa 7000 veicoli controllati non è risultato in regola con almeno un punto della normativa sugli pneumatici. Rapportato al totale del parco auto (37 milioni di vetture), ciò equivale a circa 4,5 milioni di veicoli non conformi.

 

Un parco auto che invecchia

Questo fenomeno è una sicura conseguenza della crisi economica, che spinge numerosi automobilisti a risparmiare sul budget di spesa destinato all’auto. Si assiste dunque a un netto invecchiamento del parco automobilistico. La percentuale di veicoli con più di 10 anni è passata dal 34,5% del 2005 al 44% attuale, con una media di 10 anni e 4 mesi per le autovetture.

Con un’età media di 7 anni e 2 mesi per i veicoli controllati nel 2013, ci collochiamo quindi al di sotto della media nazionale. Ciò si spiega con il fatto che i controlli sono stati realizzati in regioni in cui, per motivi economici o turistici, il traffico stradale è importante.
 
 

Il doppio dei veicoli non revisionati rispetto al 2012

 

Pneumatico controllato dalla Polizia StradaleDiritti d'autore foto © : Assogomma-Federpneus
Dall’indagine emerge anche che alcuni automobilisti hanno rinviato la revisione della propria auto o la sostituzione delle gomme per motivi economici, esponendosi al rischio di incorrere in sanzioni. Quasi il 5% dei veicoli controllati non è stato sottoposto a revisione in conformità al libretto di manutenzione, ovvero quasi il doppio rispetto al 2012 (2,7%), percentuale che sale a più del 10% in Friuli Venezia Giulia.

Entrando nel dettaglio delle anomalie rilevate durante i controlli, si nota che le classiche negligenze (pneumatici lisci, danneggiati o non omologati), sono abbastanza stabili o in calo grazie alle campagne di prevenzione promosse da alcune autorità regionali, mentre aumentano i veri e propri compromessi in fatto di sicurezza. Per Fabio Bertolotti, direttore Assogomma, “la necessità di risparmiare ad ogni costo favorisce soluzioni di ripiego; e ciò rappresenta un fattore di rischio per la sicurezza stradale”.

 

In aumento : pneumatici non omogenei e pneumatici invernali in estate


Si nota un incremento significativo di vetture equipaggiate con pneumatici non omogenei, in particolare in Abruzzo (10,5%).

Un altro fenomeno significativo è l’utilizzo delle gomme invernali anche in estate. Questa anomalia riguarda attualmente l’11,4% dei veicoli controllati, contro il 9,8% del 2012. Percentuale che sale al 22,5% in Abruzzo. Il problema riguarda in particolare i veicoli 4x4 (22,5% dei controlli). Nel 2,5% dei casi, si trovano anche equipaggiamenti con pneumatici invernali in un asse e pneumatici estivi nell’altro. Ora tutti sanno che tali configurazioni riducono notevolmente le prestazioni degli pneumatici, in particolare in frenata.

Infine, dall’indagine emerge una stretta correlazione tra l’età del veicolo e il livello di infrazione alla normativa sugli pneumatici, come risulta dal grafico che segue.


Più il veicolo è vecchio, più aumentano le infrazioni alla normativa sugli pneumatici

 

Grafico delle infrazioni per equipaggiamentoDiritti d'autore foto © : Vacanze Sicure 2013

Percentuale di infrazioni alla normativa sugli pneumatici rispetto all’età del veicolo

 

Scheda tecnica dell’indagine

    >> L’indagine è stata promossa da due associazioni professionali :

Assogomma: Gruppo Produttori Pneumatici
Federpneus: Associazione Nazionale Rivenditori Specialisti di Pneumatici

   >> I controlli sono stati realizzati dalla Polizia Stradale tra il 10 e il 20 giugno, nelle regioni di Lombardia, Piemonte, Val d’Aosta, Friuli Venezia Giulia, Abruzzo, Calabria e Sardegna e hanno interessato 6827 veicoli.

   >> L’elaborazione dei dati è stata eseguita dal Politecnico di Torino. 

 

Sintesi dei risultati dettagliati dell’Indagine Vacanze Sicure 2013

Anomalia

2013

2012*

Mini

Maxi

Pneumatici lisci

3,2%

3,2%

1,22%
Piemonte-Val d’Aosta

5,55%
Calabria

Pneumatici danneggiati

3,0%

3,9%

2,32%
Lombardia

5,35%
Calabria

Pneumatici non omologati

1,9%

3,3%

0,77%
Abruzzo

2,55%
Lombardia

Pneumatici non omogenei

5,5%

3,3%

2,66%
Friuli

10,46%
Abruzzo

Pneumatici non conformi

0,9%

3,2%

0,26%
Sardegna

1,57%
Friuli

Pneumatici invernali

11,4%

9,8%

3,98%
Sardegna

22,45%
Abruzzo

*Perimetro 2012: Lombardia, Campania, Sicilia Orientale.

 

Per saperne di più

>> L’indagine Vacanze Sicure 2013 
>> Il sito pneumaticisottocontrollo.it