Guida pratica sull'etichetta degli pneumatici - Divieto di vendita per le gomme meno efficienti
Center

Etichettatura europea: divieto di vendita per le gomme meno efficienti

Etichettatura Pubblicato il 05/05/17 da Yannick O'Conor

Dal 1° maggio 2017 non possono più essere commercializzati gli pneumatici da turismo con valutazione G per la resistenza al rotolamento ed F per l’aderenza sul bagnato in etichetta europea.

Etichettatura-vendita-pneumatici Diritti d'autore foto © : rezulteo

Bisogna precisare che la vendita al pubblico degli pneumatici etichettati con le classificazioni G ed F rispettivamente per l’efficienza energetica e l’aderenza sul bagnato, è vietata dal 1° novembre 2014 ma la normativa prevedeva una proroga di 30 mesi per la vendita al pubblico degli pneumatici prodotti prima del 1° novembre 2014 ed etichettati con le classificazioni G ed F. Il divieto di immissione sul mercato europeo di questi pneumatici per autovetture e SUV è diventato effettivo dal 1° maggio 2017. Tuttavia, questo divieto non riguarda gli pneumatici invernali di classe F per l’aderenza sul bagnato e altri pneumatici invernali classificati G in etichetta per la resistenza al rotolamento, che possono continuare ad essere venduti nel mercato comunitario.

In pratica cosa cambia per i consumatori? Produttori e rivenditori dovranno ovviamente adattarsi alle nuove normative. Tuttavia, al momento dell’acquisto si consiglia di verificare in etichetta che gli pneumatici estivi siano almeno di classe E per l’aderenza sul bagnato ed F per la resistenza al rotolamento.

Ricordiamo che l’etichetta europea è divenuta obbligatoria in ambito UE per tutti gli pneumatici venduti da novembre 2012. L’etichetta fornisce informazioni ai consumatori classificando gli pneumatici secondo tre criteri: la resistenza al rotolamento, l’aderenza sul bagnato e la rumorosità da rotolamento.