Guida pratica sull'etichetta degli pneumatici - Prime etichette a partire da giugno 2012

Prime etichette a partire da giugno 2012

Etichettatura Pubblicato il 12/01/12 da Giuliano

Nel 2012 verrà introdotta l’etichettatura europea per gli pneumatici. Essa non sarà obbligatoria fino a novembre, ma produttori e distributori potranno adottarla già da giugno.

La commissione Europea: etichettatura degli pneumatici

A meno di un anno dall’entrata in vigore del regolamento che disciplina l’etichettatura degli pneumatici, la Commissione europea precisa alcuni punti del dispositivo per l’attuazione effettiva del regolamento.

Il regolamento complementare affronta da una parte l’armonizzazione dei metodi utilizzati dai centri di prova nella misurazione delle prestazioni degli pneumatici e dall’altra la data di attuazione delle prime etichette.

Ricordiamo che la futura etichetta informerà il consumatore su tre prestazioni dello pneumatico: il contributo al consumo di carburante, l’aderenza sul bagnato e la rumorosità esterna di rotolamento.

Prime etichette a giugno
Il nuovo regolamento conferma che gli pneumatici per auto e veicoli commerciali leggeri prodotti dopo il 30 giugno 2012 e commercializzati nei paesi dell’Unione europea a partire da novembre 2012 dovranno essere accompagnati in ogni punto vendita da un adesivo o un'etichetta contenente le suddette indicazioni.

Il testo di legge stabilisce che tali informazioni dovranno apparire anche sui siti web dei fornitori, sulle brochure, sui listini e sulle fatture.

Altre precisazioni: ogni tipo e ogni misura di pneumatico avrà la propria etichetta.

Inoltre, l’etichettatura anticipata degli pneumatici non è autorizzata prima del 30 maggio 2012.

Armonizzazione delle procedure di misurazione
Gli altri punti sono più tecnici e riguarderanno i produttori e i centri di prova addetti alle misurazioni delle prestazioni degli pneumatici.

Il regolamento 228/2011 definisce in dettaglio il metodo del test di aderenza su fondo bagnato per le autovetture;

Il regolamento 1235/2011 detta le disposizioni necessarie per:
• rilevare l’aderenza su fondo bagnato degli pneumatici per veicoli leggeri e pesanti;
• misurare la resistenza al rotolamento, includendo l’adozione da parte dei centri di prova autorizzati delle stesse procedure di misurazione e verifica.

Un provvedimento che va a beneficio della qualità
Secondo l’ETRMA, l’organizzazione europea dei produttori di pneumatici e articoli in gomma, “l’etichettatura aumenterà l’interesse per gli pneumatici e spingerà i consumatori e i proprietari di flotte automobilistiche a prestare maggiore attenzione alle prestazioni degli pneumatici al momento dell’acquisto”.

D’altro canto, secondo l’ETRMA questo provvedimento dovrebbe anche “spingere i produttori a migliorare i loro prodotti in un contesto fortemente concorrenziale, al fine di distinguersi maggiormente dai concorrenti”.

Dal 1 novembre 2014, gli pneumatici con valutazione G in efficienza energetica e valutazione F in frenata su suolo bagnato sono vietati alla vendita. Tuttavia, gli pneumatici prodotti prima del 1 novembre 2014 potranno essere venduti fino a 30 mesi successivi all'entrata in vigore della legislazione, vale a dire fino al 1 maggio 2017. Consultate il Regolamento (CE) Nº 661/2009 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 13 luglio 2009, Capitolo III, Articolo 13, Paragrafo 5.