L'etichettatura degli pneumatici: istruzioni per l'uso - Etichettatura degli pneumatici: i tre parametri di valutazione

Etichettatura degli pneumatici: i tre parametri di valutazione

L'etichettatura degli pneumatici: istruzioni per l'uso Giuliano

La nuova etichetta informa il consumatore su tre prestazioni base dello pneumatico: l’efficienza energetica, l’aderenza sul bagnato e il livello di rumorosità da rotolamento esterna. Ad ogni performance è abbinata una classe rappresentata da una lettera e un colore.

3 criteri di prestazioni sull'etichetta 3 criteri scelti per valutare le prestazioni degli pneumatici - Diritti d'autore foto © : Rezulteo

L’efficienza energetica

Icona benzina sull'etichetta degli pneumaticiDiritti d'autore foto © : All Rights Reserved
Gli pneumatici incidono per circa il 20% sul consumo totale di carburante. Il rotolamento provoca una deformazione dello pneumatico che genera una dispersione di energia sotto forma di calore. Questo fenomeno crea una forza denominata resistenza al rotolamento (RR). Più tale forza è elevata, maggiore è il consumo di carburante del motore. Una bassa resistenza al rotolamento è dunque un criterio importante per ridurre il consumo di carburante e quindi le emissioni di CO2.

L’etichetta indica la classe di resistenza al rotolamento a cui appartiene lo pneumatico. Le valutazioni vanno da A (RR più bassa) a G (RR più alta).

>> Confrontare le prestazioni grazie all’etichetta

 

L’efficienza della frenata sul bagnato

icona pioggia sull'etichetta degli pneumaticiDiritti d'autore foto © : All Rights Reserved
L’aderenza dello pneumatico su fondo bagnato è un fattore chiave per la sicurezza del conducente e dei passeggeri. Per misurarla, il regolamento europeo ha redatto un protocollo che stabilisce in particolare le condizioni di effettuazione del test: velocità, caratteristiche del circuito, altezza dell’acqua, temperatura…

La classe di appartenenza è assegnata confrontando i risultati del test con quelli ottenuti da uno pneumatico di riferimento. Le valutazioni vanno da A (la migliore) a G (la peggiore).

>> Confrontare le prestazioni grazie all’etichetta

 

Il livello di rumorosità da rotolamento esterna

icona rumore da rotolamento sull'etichetta degli pneumaticiDiritti d'autore foto © : All Rights Reserved
Il rumore generato dal rotolamento dello pneumatico fa parte dei criteri legati alla qualità della vita. Esso contribuisce in misura importante alla rumorosità totale generata dal veicolo. E diventa persino preponderante sopra i 50 km/h. Riducendo la rumorosità da rotolamento esterna si contribuisce dunque a ridurre l’inquinamento acustico.

Il risultato misurato in fase di test viene confrontato con un valore limite stabilito dalla normativa. Per il rumore da rotolamento sono previste tre classi, rappresentate da una, due o tre onde sonore, dove un’onda rappresenta la migliore valutazione.

>> Confrontare le prestazioni grazie all’etichetta

Leggi anche

>> Chi esegue i test di valutazione?

Torna all’indice