In breve - Calendario Pirelli: Steve McCurry celebra la vitalità di Rio

Calendario Pirelli: Steve McCurry celebra la vitalità di Rio

In breve Pubblicato il 12/12/12 da Giuliano

Pirelli ha affidato l’edizione 2013 del suo calendario al fotoreporter Steve McCurry e ha scelto come cornice la turbolenta città di Rio de Janeiro. Il risultato: un reportage barocco che celebra la bellezza della donna e la vitalità di una città multicolore. Coniugando top model di fama internazionale e scene di strada, il fotografo americano ci offre un momento di pura grazia.

Il fotografo: Steve McCurry

Affidando l’edizione 2013 del suo celebre calendario al fotoreporter americano Steve McCurry, Pirelli ha voluto dare un’altra dimensione a questo appuntamento glamour di fine anno. 

Membro dell’agenzia Magnum da quasi trent’anni, questo guerriero dello scatto è in realtà più abituato agli scenari bellici che non agli studi fotografici. Il ritratto di Sharbat Gula, la ragazza afgana dagli occhi verdi, pubblicato sulla copertina del National Geographic nel 1985, ha fatto il giro del mondo. Per la sua copertura della guerra in Afghanistan, Steve McCurry ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti. (© foto: AP)

Il sito di Steve McCurry 

 

Il luogo: Rio de Janeiro

Come scrigno del suo calendario, Pirelli è tornato in Brasile, paese dalle mille opportunità, e più precisamente nella turbolenta Rio de Janeiro. Viaggiatore agguerrito, Steve McCurry si è impregnato dello spirito di questa città piena di colore e di fascino.


Il fotografo ha scelto di raccontarci delle storie partendo dai volti disegnati sui muri di persone comuni alternati a donne di una bellezza sublime: una giovane pugile che si allena affiancata alla top model brasiliana Adriana Lima, una venditrice di frutta al mercato a fronte della modella ceca Petra Nemcova, alcuni maestri di capoeira mentre si esibiscono in volteggi tra la tunisina Hanaa Ben Abdesslem e l’etiope Liya Kebede. In totale, 34 foto di rara bellezza.

Il making of del calendario Pirelli 2013 sul nostro canale Youtube 

Il messaggio: la bellezza del quotidiano

Dopo lo stile naturalista di Mario Sorrenti (2012), le pose provocanti di Richardson Karl Lagerfeld (2011) e l’atmosfera mitologica creata da Terry (2010), Steve McCurry propone una specie di reportage barocco. “Ho provato a descrivere il Brasile, coniugando i suoi paesaggi, la sua economia e la cultura con l’elemento umano, spiega il fotografo. La fotografia rappresenta per me un mezzo espressivo per raccontare grandi e piccole storie di vita quotidiana”, ha aggiunto. 

Eccezionalmente, non ci sono nudi in questa 40a edizione del calendario Pirelli. Le modelle, attrici e cantanti, protagoniste di questo calendario hanno posato vestite davanti all’obiettivo del fotografo americano. Essendo tutte accomunate da un impegno in organizzazioni non governative, fondazioni e progetti umanitari, si è ritenuto opportuno non mischiare i generi. Le foto non sono per questo meno belle.

> Una selezione di foto del calendario Pirelli 2013 sulla nostra pagina Facebook

100 foto di Steve McCurry per la libertà di stampa 

Tre volte all’anno, Reporter senza Frontiere (RSF) pubblica un album di un grande fotografo per finanziare le proprie campagne a favore della libertà di stampa. Per il suo ultimo album, l’associazione ha chiesto a Steve McCurry di offrirgli 100 dei suoi scatti più belli sull’Afghanistan, paese che il fotografo frequenta da molti anni. (© foto: RSF)

100 foto di Steve McCurry per la libertà di stampa, Reporter senza Frontiere, 9.90 €. Disponibile in libreria e sul sito di RSF