Nuovi pneumatici: tutte le novità prodotto dei produttori di pneumatici - Continental ContiEcoContact 5: tutto è stato ripensato

Continental ContiEcoContact 5: tutto è stato ripensato

Nuovi pneumatici Pubblicato il 20/12/10 da Giuliano

Abbiamo incontrato gli ingegneri di Continental che hanno lavorato agli pneumatici ContiEcoContact 5: ci hanno presentato i miglioramenti che hanno apportato ai nuovi pneumatici verdi della marca, per renderli ancora più efficaci.

Foto dello pneumatico ContiEcoContact 5 Diritti d'autore foto © : Continental

Le differenze tra il ContiEcoContact 3 e il 5 non mancano. Carcassa, mescola, linea dello pneumatico, disegno del profilo. Gli pneumatici sono stati ripensati nel loro insieme: il fianco e il tallone (la zona che trattiene lo pneumatico sul cerchione) sono stati modificati creando un apice (parte situata sopra il cerchio metallico, più comunemente detto imbottitura del cerchietto) più duro, per irrigidire lo pneumatico limitando al contempo la deformazione nella zona del tallone, grazie ad un nuovo tipo di mescola.  Queste soluzioni hanno permesso di ridurre lo spessore dello pneumatico e, quindi, il suo peso.

 

Una struttura più quadrata

La mescola di gomma del ContiEcoContact 5 utilizza un nuovo tipo di catene polimeriche che si integra in modo più solidale nella mescola: i silicati. Gli spostamenti dei componenti chimici contenuti nella mescola sono ridotti. Risultato: miglioramento dell’aderenza su fondo bagnato e livello ridotto di resistenza al rotolamento.

La resistenza al rotolamento è stata migliorata, modificando la linea dello pneumatico, in modo da darle una struttura più quadrata e ottimizzare la ripartizione delle profondità del profilo. 

Foto dello pneumatico ContiEcoContact 5Diritti d'autore foto © : Continental
 

Il battistrada

Con il ContiEcoContact 5, l’obiettivo degli ingegneri di Continental era quello di ridurre la deformazione del profilo sulla superficie di contatto a terra. Per fare questo, sui tasselli di gomma sono state applicate delle lamelle ultra-sottili che offrono un effetto «tergicristallo» su fondo bagnato. Queste lamelle permettono di fendere la pellicola di acqua e di garantire buone distanze di frenata. D’altronde, gli spigoli dei tasselli sono stati ideati per restare stabili, favorendo una bassa resistenza al rotolamento.

L’insieme di questi progressi permette a Continental di avere risultati sensibilmente migliorati rispetto al suo predecessore:

> resistenza al rotolamento migliorata del 20%,

> durata di vita migliorata del 12%,

> distanze di frenata ridotte.

Ecco uno schema per valutare il miglioramento dell’impronta a terra del ContiEcoContact 5, rispetto al 3:

Performances di frenata del ContiEcoContact 3 et 5Diritti d'autore foto © : Continental