Pneumatici sportivi e ad elevate prestazioni, pneumatici e competizione - F1 – Gran Premio di Abu Dhabi: la misteriosa foratura di Vettel

F1 – Gran Premio di Abu Dhabi: la misteriosa foratura di Vettel

Sport Pubblicato il 18/11/11 da Giuliano

Per la prima volta dall’inizio della stagione, Sebastian Vettel (Red Bull) non è salito sul podio. Il campione del mondo ha dovuto abbandonare al primo giro a causa di una foratura. A beneficiare della sua uscita di scena è stato Lewis Hamilton (Mc Laren), che ha condotto una gara esemplare, resistendo fino all’ultimo agli attacchi di Fernando Alonso (Ferrari). Alla Pirelli, si indaga ancora per cercare di capire le ragioni di questa foratura improvvisa e prematura.

Lewis Hamilton (Mc Laren) Diritti d'autore foto © : Pirelli

La gara 

Come sempre, il Gran Premio di Abu Dhabi è iniziato al tramonto e si è concluso la notte, offrendo ai piloti e alle auto temperature più clementi di quelle pomeridiane (e comunque sempre intorno ai 28°C!). Sebastian Vettel (Red Bull Racing) ha dovuto abbandonare alla seconda curva del primo giro in seguito a un improvviso sgonfiamento dello pneumatico posteriore destro, con conseguenti danni meccanici irreparabili. Non uguaglierà dunque il record di vittorie in una stagione, detenuto da Michael Schumacher (13 nel 2004).

La vittoria è andata a Lewis Hamilton (Mc Laren), che ad Abu Dhabi si aggiudica la sua terza vittoria della stagione. L’inglese ha dominato la gara dall’inizio alla fine, resistendo valorosamente agli assalti di Fernando Alonso (Ferrari), autore di una bella partenza. Jenson Button (Mc Laren) sale sul terzo gradino del podio.

Le strategie degli pneumatici 

Per completare i 55 giri del circuito di Yas Marina, Lewis Hamilton si è fermato due volte ai box, come del resto la maggioranza dei piloti. Nei primi due stint ha utilizzato pneumatici soft (P Zero Yellow) e poi è passato alla mescola media (P Zero White). Per tentare di superare il pilota inglese sul finale, Fernando Alonso ha rimandato di due giri la sua ultima sosta ai box, senza però riuscire a prendere vantaggio.

Dal canto suo, Mark Webber (Red Bull, 4° posto) ha puntato su tre soste, passando alle gomme medium solo all’ultimo giro di corsa. Paul di Resta (Force India) è stato l’unico pilota ad effettuare una sola sosta, passando dalle medium alle soft al 27° giro. Lo scozzese ha completato un ultimo stint di 28 giri con gomme P Zero Yellow, andando a concludere al 9° posto.

Partito da fondo griglia, Rubens Barrichello (Williams) è riuscito a rimontare chiudendo al 12° posto con una tattica di due soste ai box e una partenza con gomme medium. Infine, Kamui Kobayashi (Sauber), che ha effettuato le stesse scelte, entra in zona punti per la prima volta dopo sette gare.

L’indagine Pirelli 

Dal canto suo Pirelli, ancora non si spiega le ragioni di tale foratura improvvisa e prematura. “Assieme a Red Bull Racing, stiamo ancora analizzando ciò che resta dello pneumatico di Sebastian Vettel per cercare di capire cosa sia successo, spiega Paul Hembery, direttore di Pirelli Motorsport. Sembra trattarsi di un incidente davvero insolito. Abbiamo esaminato il punto con Sebastian ma non abbiamo trovato niente che possa spiegare l’improvviso sgonfiamento dello pneumatico.” Mentre si continua a cercare una spiegazione soddisfacente, il produttore si concentra sui test degli pneumatici che presenterà per la stagione 2012.

Video
>> Gran premio di Abu Dhabi:
salite a bordo per un giro del circuito con il sistema 3D Track Experience di Pirelli.