Pneumatici sportivi e ad elevate prestazioni, pneumatici e competizione - La Formula 1 costerà pochissimo a Pirelli!

La Formula 1 costerà pochissimo a Pirelli!

Sport Pubblicato il 08/11/10

Il motivo per cui Bridgestone ha abbandonato la Formula 1 è dettato da una logica puramente economica. In questo modo il produttore di pneumatici desidera realizzare risparmi preziosi in un periodo in cui le spese inutili sono bandite.

Vecchio pneumatico Pirelli nella paglia Diritti d'autore foto © : Pirelli

Da Pirelli, si era perfettamente consapevoli che questa strategia poteva essere un'arma a doppio taglio. Infatti, i fornitori non gareggiano mai con un obiettivo di redditività diretta, ma con quello di forgiarsi un'immagine strettamente legata alle loro ambizioni. E nel settore dello sport automobilistico, la F1 può essere un sogno sul piano della credibilità, ma anche un vero incubo per chi lo deve finanziare.

Poiché Pirelli non vuole cadere nella stessa trappola del suo predecessore, ha bloccato il sistema in modo netto, svelando un modello interessante ed equo per tutti gli interessati.

Il discorso ufficiale è comunque chiarissimo: «La F1 comprende il problema dei fornitori; siamo riusciti a trovare un accordo per fornire gli pneumatici necessari alla F1 e i team pagheranno questo servizio».

L'investimento legato alla campagna pubblicitaria di Pirelli su tutto il campionato sarà invece finanziato con un investimento minimo in altre discipline: « La campagna pubblicitaria legata alla F1 sarà finanziata col denaro proveniente da altri campionati, oppure ridurremo la nostra presenza».